Giovedì, Ottobre 18, 2018

Marco Frezza secondo di classe e nono assoluto

Un ottimo secondo posto di classe A5 e nono assoluto è il risultato finale della 24 Ore del Dubai per Marco Frezza. Grande soddisfazione per il pilota lombardo e per i suoi compagni del team Duller Motorsport 1, Piergiuseppe Perazzini, Marco Cioci, Alberto Cerrai e Federico Della Volta. Dopo la partenza, che lo ha visto subito in 20esima posizione e già seconda di classe, la gara non è stata priva di colpi di scena, per l'equipaggio tutto italiano, che dopo sole cinque ore di gara è stato vittima di una rottura all'albero di trasmissione, riparata dai meccanici in appena 40 minuti. Precipitato oltre il 60° posto assoluto, il team # 8 è stato poi protagonista di una grande rimonta, di cui Marco ha preso in mano le sorti con due stint, per un totale di cinque ore di gara, tutte effettuate nelle fasi cruciali della notte. Nel corso del suo primo stint, Marco ha accusato forti vibrazioni alla vettura e, su consiglio del team, ha tenuto un passo tranquillo. Poi, al rientro ai box, il team ha risolto il problema e la gara è proseguita con un passo veloce ma comunque all'insegna della consistenza e del rispetto per la meccanica, fondamentale in una gara di tale durata. Senza i 20 giri persi ai box per le riparazioni, Frezza avrebbe potuto cogliere addirittura una quarta-quinta posizione assoluta. In classe A5, invece, impossibile ottenere più del secondo posto, alle spalle della BMW Z4 del team Al Faisal Racing capace di prestazioni analoghe a quelle della classe superiore, la A6, tanto da rimanere a lungo in lotta per la vittoria assoluta. "Il team e i miei compagni di equipaggio sono stati tutti molto professionali e abbiamo condotto una gara impeccabile," spiega Marco. "Iniziare la stagione con un risultato del genere fa grande morale e ci permette subito di entrare nel 2009 con il piede giusto."
English version Frezza second in A5 class and ninth overall
A great second place in the A5 class and ninth overall is the final result of the 24 Hours of Dubai for Marco Frezza. Great satisfaction for the Italian driver and for his Duller Motorsport 1 team-mates, Piergiuseppe Perazzini, Marco Cioci, Alberto Cerrai and Federico Della Volta. After the start, when they were already 20th overall and second in the class, the race wasn't trouble-free for the all-Italian team. After just five hours of the race, they were victim of a transmission shaft failure, repaired by the mechanics in just 40 minutes. Down over the 60th place overall, the # 8 team was then capable of a great comeback, which Marco took on during the crucial night phases with two stints and a total of five hours driving. During his first stint, Marco accused strong vibrations to the car and the time adviced him to take a quiet pace. Then, in the pits, the mechanics solved the problem and the race went on with a fast but consistent pace, to avoid mechanical wear, given the long duration of the race. Without losing 20 laps in the pits due to repairs, Frezza could have taken fourth or fifth overall. In the A5 class, instead, it was impossible to obtain more than the second place behind team Al Faisal Racing's BMW Z4, capable of performances as fast as the higher class cars. "The team and my team-mates were all very professional and we did a faultless race," Marco explains. "To begin the season with such a result improves the morale and allows us to step into 2009 with the right foot."

Articoli

Powered by mod LCA
Il pilota

Il pilota milanese nato nel 1987, affronta le prime esperienze agonistiche nel motorsport con il karting, passando poi alle monoposto con la Formula Renault 2.0. Nel 2007 lasca le monoposto per passare alle ruote coperte, gareggiando con una Ferrari 430 GT2 nell'International GT Open, una serie dedicata alle vetture Gran Turismo con un palmares di concorrenti e di vetture provenienti da tutta Europa. Il suo anno magico è il 2010, stagione nella quale conquista il titolo di Campione della Classe GTS dell’International Gt Open con la Ferrari 430 Scuderia del team elvetico Kessel Racing. Seguono altre stagioni entusiasmanti, trascorse sui tracciati più importanti e prestigiosi del Mondo. Marco mostra ad ogni occasione il suo talento cristallino, conquistando importanti successi sempre con la Ferrari, ed entusiasmando gli appassionati con il suo stile spettacolare, ma sempre preciso e redditizio. Nel 2014 gareggia ancora una volta con Kessel Racing con la Ferrari 458 GT3 nella Blancpain Endurance Series ed alla "12 Ore di Abu-Dhabi".