Giovedì, Ottobre 18, 2018

Un altro weekend agrodolce

Un altro weekend agrodolce per Marco Frezza nella tappa portoghese dell'International GT Open, sul circuito dell'Algarve, concluso con un ritiro e un podio.

Gara-1 è stata un vero e proprio calvario per il pilota lombardo, come lui stesso spiega: "Ci siamo ritirati per la rottura della cinghia dell'alternatore, ma abbiamo avuto problemi tecnici per tutta la gara: abbiamo corso senza idroguida e anche con qualche guaio al cambio. Per questi motivi non siamo mai riusciti ad affacciarci nelle prime posizioni."

Molto meglio è andata la seconda manche del weekend, quando a prendere il via è stato proprio Marco: "Andavo forte nel mio stint e ho lottato per il secondo posto per tutto il mio turno di guida con Babini e Moncini. Poi è salito il mio compagno di equipaggio Lopez e si è trovato a lottare con Montermini, che aveva un passo di gara più rapido e ci ha superati. Alla fine abbiamo chiuso terzi."

La continua sfortuna che ha tartassato Marco in queste ultime gare, dopo l'inizio di campionato con successi a ripetizione, ha fatto sì che l'equipaggio del Vittoria Competizioni accumulasse un certo distacco dalla testa della classifica. Ora, Marco ha all'attivo 122 punti, 25 in meno del leader Soheil Ayari, ma soli 14 in meno dei terzi classificati Montermini-Moncini.

Ed è proprio questo l'obiettivo che Frezza si pone per il finale di stagione: "Voglio raggiungere il podio di campionato e ho ancora due weekend a mia disposizione: il primo sul circuito di casa a Monza e il secondo sul tracciato amico di Barcellona, dove l'anno passato mi laureai campione della categoria GTS. Cercherò di fare del mio meglio ad ogni gara, senza fare calcoli, e vedremo cosa accadrà."

 

ENGLISH VERSION

Another bitter-sweet weekend

Another bitter-sweet weekend for Marco Frezza in the Portuguese event of International GT Open, at Algarve circuit, finished with a retirement and a podium.

Race-1 was a real disaster for the Itlian driver, as he tells himself: "We retired due to the failure of the alternator belt, but we had technical problems throughout the race: we raced with no power steering and with some gearbox issues. For these reasons we never managed to get to the top positions."

Much better went the second race of the weekend, when Marco himself took the start: "I was fast during my stint and I fought throughout it for the second place with Babini and Moncini. Then my team-mate Lopez took the steering wheel and he found himself fighting with Montermini, who had a better pace than us and overtook us. In the end we were third."

The continuous bad luck which hit Marco in the latest races, after a beginning of the season with back-to-back victories, forced the Vittoria Competizioni team to get a certain gap to the head of the standings. Now, Marco has 122 points, 25 less than the leader Soheil Ayari, but just 14 less than the third in the championship, Montermini-Moncini.

This is Frezza's goal for the end of the season: "I want to reach the championship podium and I still have two weekends available: the first one on my home circuit in Monza and the second on the familiar Barcelona track, where last year I won the GTS championship. I'll try to do my best in every race, avoiding making calculations, and we'll see what happens."

Articoli

Powered by mod LCA
Il pilota

Il pilota milanese nato nel 1987, affronta le prime esperienze agonistiche nel motorsport con il karting, passando poi alle monoposto con la Formula Renault 2.0. Nel 2007 lasca le monoposto per passare alle ruote coperte, gareggiando con una Ferrari 430 GT2 nell'International GT Open, una serie dedicata alle vetture Gran Turismo con un palmares di concorrenti e di vetture provenienti da tutta Europa. Il suo anno magico è il 2010, stagione nella quale conquista il titolo di Campione della Classe GTS dell’International Gt Open con la Ferrari 430 Scuderia del team elvetico Kessel Racing. Seguono altre stagioni entusiasmanti, trascorse sui tracciati più importanti e prestigiosi del Mondo. Marco mostra ad ogni occasione il suo talento cristallino, conquistando importanti successi sempre con la Ferrari, ed entusiasmando gli appassionati con il suo stile spettacolare, ma sempre preciso e redditizio. Nel 2014 gareggia ancora una volta con Kessel Racing con la Ferrari 458 GT3 nella Blancpain Endurance Series ed alla "12 Ore di Abu-Dhabi".