Giovedì, Agosto 16, 2018

Si avvia alla conclusione la stagione 2013 dell’International GT Open, che ‘chiude’ con il tradizionale appuntamento a Barcellona questo weekend. Per Marco Frezza, una missione chiara: aiutare il compagno Lorenzo Bontempelli e il Kessel Racing a conquistare i rispettivi titoli (Piloti e Team) nella combattutissima categoria GTS!

 

Come sempre, la tradizionale finale di Barcellona ha fatto il pieno di iscritti (41), con tante vetture competitive e nomi di prestigio che si aggiungono per l’occasione. Un fattore non insignificante nelle due gare in cui si decideranno i titoli. La situazione è più che aperta, con ben nove aspiranti potenziali alla corona GTS, di cui i tre primi attualmente ex-aequo, con 48 punti! Uno di questi è Lorenzo Bontempelli, il compagno di Marco. La novità dell’ultimo minuto è che gli altri due capoclassifica, Giorgio Pantano e Rafael Suzuki, che hanno corso in coppia tutta la stagione, si sono ‘separati’. Suzuki ha rotto con il team e correrà su un’Audi, mentre Pantano, sulla McLaren, sarà affiancato da un peso massimo, Alvaro Parente.

“La sfida era già difficie”, ammette Marco, “e questo la rende ancora più complicata. Pantano-Parente sono davvero una coppia temibile, ma questo ci stimola ancora di più. Sarà grande battaglia e noi ce la mettermo tutta. Il mio ruolo, chiaramente, sarà quello di aiutare Lorenzo a conquistare il titolo, senza perdere d’occhio che il Kessel Racing si gioca anche l’alloro fra i Team, dove al momento è secondo in classifica a soli 4 punti dalla vetta. Con tante macchine in più, sarà davvero un weekend di battaglia sino all’ultimo giro e può succedere di tutto. Noi cercheremo di dare il massimo, di evitare gli errori e di giocare le nostre carte. Più che mai, sarà importante qualificarsi bene. Barcellona è una pista che mi è sempre piaciuta e sono pronto, determinato anche a ripagare la fiducia che Ronnie Kessel ha riposto in me.”


Articoli

Powered by mod LCA
Il pilota

Il pilota milanese nato nel 1987, affronta le prime esperienze agonistiche nel motorsport con il karting, passando poi alle monoposto con la Formula Renault 2.0. Nel 2007 lasca le monoposto per passare alle ruote coperte, gareggiando con una Ferrari 430 GT2 nell'International GT Open, una serie dedicata alle vetture Gran Turismo con un palmares di concorrenti e di vetture provenienti da tutta Europa. Il suo anno magico è il 2010, stagione nella quale conquista il titolo di Campione della Classe GTS dell’International Gt Open con la Ferrari 430 Scuderia del team elvetico Kessel Racing. Seguono altre stagioni entusiasmanti, trascorse sui tracciati più importanti e prestigiosi del Mondo. Marco mostra ad ogni occasione il suo talento cristallino, conquistando importanti successi sempre con la Ferrari, ed entusiasmando gli appassionati con il suo stile spettacolare, ma sempre preciso e redditizio. Nel 2014 gareggia ancora una volta con Kessel Racing con la Ferrari 458 GT3 nella Blancpain Endurance Series ed alla "12 Ore di Abu-Dhabi".